Premio di Poesia Modernita’ in Metrica 2018 - I Edizione

PRESIDENTE

Nicola Maggiarra


VICE PRESIDENTE

Patrizia Stefanelli


SEGRETARIO

Giovanni Martone


COLLABORATORI

Barbara Broscia

Mariano Dinacci

Claudio Ferri

Salvatore Gelso

Fabio Gigli

Giovanna La Vigna

Giuseppe Lediani

Luciano Leotta

Silvana Maggiarra

Marco Martano

Fabrizio Martone

Gianluca Martone

Giuseppe Ruggieri

Barbara Scudieri

Francesca Stefanelli

Anna Maria Viola

MENU

accedi alla nostra

pagina Facebook

ASSOCIAZIONE CULTURALE MIMESIS - CONTRADA CAMPANARO, 33 04020 ITRI (LT) - MAIL: info@associazionemimesis.com

web designer DARKLIGHT

Comunicato stampa a cura dell’Associazione Teatrale Culturale Mimesis


Domenica 15 aprile alle ore 16:00 si terrà nella prima sala del  castello medievale di Itri la speciale premiazione del 1° Concorso “Modernità in metrica” indetto dall’Associazione Culturale Teatrale Mimesis. “Ho voluto fortemente questo concorso, costola del Premio Nazionale Mimesis di poesia giunto alla XXI edizione, dice la direttrice artistica Patrizia Stefanelli,  poiché ci sembrava il caso di capire quanto e come i poeti italiani rispondessero a quello che sembra essere, a molti, un ossimoro per la poesia contemporanea. Il tema, proposto dal Presidente di giuria Prof. Accademico Orazio Antonio Bologna ( insegnante di metrica greca e latina) dell’Università Pontificia Salesiana,  è stato quello della povertà inteso in tutte le sue accezioni semantiche. Il concorso ha visto poeti di grande levatura inviare i propri componimenti  e siamo felici di annoverare tra i vincitori bellissimi nomi della poesia italiana insieme a giovani rivelazioni.” L’Associazione Culturale Teatrale Mimesis celebra la memoria dello scrittore e poeta Antonio Riciniello, con il quale iniziò ventuno anni fa il Premio Nazionale Mimesis di poesia, intitolando un trofeo in suo nome.
La giuria competente è formata da: Presidente onorario Prof. Nicola Maggiarra (Presidente dell’Associazione Culturale Teatrale Mimesis),  Presidente di giuria Prof. Orazio Antonio Bologna, Prof. Nazario Pardini,  Dott.ssa Patrizia Stefanelli, Dott.ssa Elena Zucchini, Prof. Vittorio Verducci. Segretario del Premio: Sig. Giovanni Martone.
La manifestazione sarà arricchita dalla presenza  del Coro Polifonico “Discantus Ensemble” di Itri diretto dalla Prof.ssa Paola Soscia che interverrà con diversi brani, cantati a cappella, nel corso dell’evento. Presenzierà l’Amministrazione comunale. La premiazione sarà preceduta da una conferenza stampa e dalla presentazione del libro Manfredi tra scomunica e redenzione del Presidente di giuria Prof. Orazio Antonio Bologna. La rassegna stampa è curata dal giornalista Francesco Cairo e dalle telecamere di LAZIOTV.
I poeti vincitori del premio sono: Prima classificata:  Fui povera d’affetti di Carla Baroni  (FE), seconda classificata: L’uomo della panchina di Gabriella Semino (FI), terza classificata: L’ora di Gianfranco Domizi (RM).
PREMI:
Pubblicazione gratuita di un volume dedicato ai primi tre classificati, con prefazione del Prof. Orazio Antonio Bologna, contenente per ognuno una silloge di 15 pagine, biografia e motivazione critica.
1° Premio: Pergamena con motivazione e n° 40 copie del libro, 2° Premio: Pergamena con motivazione e n. 30 copie del libro, 3° Premio: Pergamena con motivazione e n. 20 copie del libro.
PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE DI GIURIA TROFEO ANTONIO RICINIELLO e motivazione critica del Prof. Bologna: Col fuoco a volte di Rodolfo Vettorello (MI)
TARGA MENZIONE SPECIALE DI MERITO

La stazione di Gianni Bianchi (FC), Un sorso d’acqua di Rosanna Minei (NA), Bordo strada di Giovanni Aniello (LT),  I tarocchi e la povertà di Marisa Cossu (TA), L’incontro di Luciano Gentiletti (RM).

TARGA MENZIONE D’ONORE

La povertà del cuore di Silvia Cozzi (RM), Miserie di Rinaldo Rivarola (GE), Grazie, Signore, della povertà di Tullio Mariani (PI), Magari tu lo sai, tu che mi guardi di Rosanna Di Iorio (CH), Sogni e vergogna di Milvia Di Michele (PE).

SEGNALAZIONE DI MERITO DEL PRESIDENTE DI GIURIA

Levità di Angelo Gabriele Mazzolla (PZ) con motivazione critica del Prof. Bologna